Simona Bramati a Venezia

  • Stampa


   

 

SIMONA BRAMATI A VENEZIA

dal 24 Settembre al 23 Ottobre 2011
Giudecca 795

CASTELPLANIO – Marche Atipica è onorata di aver fatto parte dello staff di supporto in occasione della consacrazione artistica della giovane pittrice Simona Bramati che, già selezionata da Vittorio Sgarbi per la 54ª Biennale di Venezia Padiglione Italia regione Marche, ha inaugurato sabato 24 settembre proprio a Venezia la mostra personale “Indiscrezioni” alla prestigiosa Giudecca 795 Art Gallery. Anche “Puta, Santa y Bruja”, l’ormai famosa opera censurata a Genga il mese scorso, sarà esposta come protagonista tra le 24 tele inedite che compongono il percorso espositivo.

 

"Indiscrezioni" è stata organizzata dalle associazioni culturali Leone di Plastica e Marche Atipica, con il patrocinio dell’Assessorato alle Attività culturali del Comune di Venezia, sponsorizzata dall’azienda Moncaro, con il sostegno del Gruppo Gola della Rossa e di Green Remedies. Media partner dell’evento è ARTITUDE.

E per un evento collaterale alla Biennale di Venezia chi meglio di Beatrice Buscaroli? Infatti è già stata curatrice del Padiglione Italia della scorsa edizione della Biennale il suo nome oggi la rappresenta come autorevole critica d’arte a livello nazionale. “Sontuosa e raffinata - scrive Beatrice Buscaroli - la pittura di Simona Bramati affronta e dà immagine a temi attuali e spinosi, mitologie, astrazioni. Il nuovo ciclo di tele di diverse dimensioni presentato a Venezia intende soffermarsi oggi su alcuni aspetti drammatici della condizione della donna nel mondo. Occhi che spiano, indiscreti e luccicanti, corpi esibiti e violati, particolari minuti di bellissime silhouettes femminili segnano i passi fondamentali di una trama che si compone alla fine, svelando lo sguardo smarrito e partecipe dell'artista, che è il nostro”.

“Indiscrezioni” è impreziosita anche dalla collaborazione del poeta e scrittore Davide Rondoni, fondatore del Centro di Poesia di Bologna e critico letterario de Il Sole 24 Ore, che ha curato la personale “Mnemosyne” della Bramati al Meeting Rimini.

Tra le curiosità è importante ricordare che la Giudecca 795 Art Gallery si trova nel cinquecentesco Palazzo Foscari in una posizione privilegiata: a pochi metri da Harry's Dolci di Arrigo Cipriani, la fabbrica di tessuti Mariano Fortuny, e l'Hilton Hotel (ex Molino Stucky). Nello stesso palazzo Foscari abitarono l'industriale Giovanni Stucky, e poi l'attrice americana Ava Gardner (1922–1990). Dal 1996 al 2006 i locali della galleria furono sede dell'Archivio musicale Luigi Nono. (Mauro Luminari)

sponsor by